Labirismi

Labirismo non è labirinto. È un parto, un travaglio, una metafora, una figura, una lingua, una realtà nel tramonto”. Così recita l’oracolo di “Figure che non corrono” (C.Conte – S.Smedile, il Tachipiria edizioni, Zurigo 1990). All’epoca appariva più facile e immediato interpretare quello che si immaginava e si faceva. Chi l’avrebbe detto che quelle parole in libertà sarebbero diventate dei macigni? Avrei voluto affrontare questa ermeneutica insieme a Claudio Conte. Mi tocca, invece, districarmi da solo nel groviglio dei segni che lui stesso ha seminato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...